Skip to content

Quick News

Rischio Valanghe Grado 4 Forte sulle Alpi – 12/13 Aprile

Per gli amici della Montagna, fate attenzione! Il Rischio valanghe sarà elevato su gran parte dei settori Alpini.

Questo a seguito della abbondante neve fresca prevista entro venerdì sulle Alpi in particolare i settori occidentali, (Vedi Tendenza Meteo nel Dettaglio ) e alla ventilazione sostenuta che renderà instabile il manto nevoso.

Bollettino Valanghe Piemonte

Sui settori Alpini della regione Piemonte, il livello di pericolo valanghe risulta per la giornata del 12-04-2018 di grado 4 Forte.

Le nuove abbondanti nevicate associate ad una intensa ventilazione determinano la formazione di accumuli instabili in quota a tutte le esposizioni.

Su tutto l’arco alpino è da attendersi un’importante attività valanghiva spontanea legata alla neve recente, con numerose valanghe di medie dimensioni e isolate grandi valanghe. Al di sotto dei 2000-2500m, dove il manto nevoso ha già subito una forte umidificazione, il sovraccarico costituito dalla nuova neve può favorire il distacco di valanghe di fondo di neve umida o bagnata.

Sopra i 2500m sono attese valanghe prevalentemente a lastroni e a debole coesione di superficie.

La sollecitazione degli accumuli di neoformazione, presenti sulla maggior parte dei pendii ripidi al di sopra dei 2300-2500m è probabile già al passaggio del singolo sciatore. La possibilità di escursioni è fortemente limitata e richiede comunque una prudenza nella scelta dell’itinerario.

Per il giorno 13/04/2018 e giorni successivi, rimane ancora una diffusa attività valanghiva spontanea e distacco provocato probabile con debole sovraccarico.

Nonostante la riduzione dell’intensità delle nevicate, si assiste ancora ad una rilevante attività valanghiva spontanea con numerose valanghe di medie dimensioni ed isolate grandi valanghe.

Sotto i 2000-2500m sono ancora possibili valanghe di fondo sia di versante che incanalate mentre a quote più elevate la tipologia più frequente è rappresentata da valanghe di superficie a debole coesione e a lastroni.

Nei settori dove le ultime nevicate sono state meno intense, il distacco di valanghe subirà una progressiva attenuazione nel corso della giornata.

Gli accumuli da vento formatisi nel corso della precipitazione sono ancora instabili e suscettibili al passaggio del singolo sciatore sulla maggior parte dei pendii ripidi, indipendentemente dall’esposizione. La possibilità di escursioni è ancora fortemente limitata e richiede una grande capacità di valutazione delle condizioni locali.

Fonte Bollettino Valanghe Arpa Piemonte

Bollettino Valanghe Provincia Autonoma di Bolzano

Bollettino per il Giorno 12 Aprile 2018, con pioggia e neve sensibile aumento del pericolo valanghe

Con le previste precipitazioni il pericolo valanghe aumenta sensibilmente, localmente fino a FORTE GRADO 4. Nel resto della provincia il pericolo è MARCATO GRADO 3.

Sotto il limite delle nevicate specie nelle zone di stau da sud con le maggiori precipitazioni, la pioggia nel manto può portare al distacco su tutte le esposizioni di valanghe bagnate e anche valanghe di scivolamento.

Per i notevoli spessori di neve al suolo queste valanghe possono assumere dimensioni importati e interessare infrastrutture esposte. Oltre il limite delle nevicate il forte vento da sud porta alla formazione di grossi accumuli eolici.

Questa neve ventata è facilmente staccabile e dai siti maggiormente caricati dal vento i distacchi possono essere anche spontanei. Questi possono poi trascinare tutto il vecchio manto. Le condizioni per escursioni sono sfavorevoli e il riconoscimento delle zone pericolose difficile. Attendibilità della previsione: media

 

Bollettino per il Giorno 12 Aprile 2018, prima giornata critica di bel tempo dopo le nevicate

Sulle montagne dell”Alto Adige la situazione valanghiva è da considerarsi critica, il pericolo è MARCATO GRADO 3.

Alle quote molto alte va fatta attenzione ai nuovi accumuli eolici delicati, specie su pendii ripidi all’ombra dietro bruschi cambi di pendenza. Nel corso della giornata va considerato l’indebolimento per il caldo e la percolazione nel manto dell’Acqua di fusione.

Specie di siti rocciosi si considerino le valanghe di neve a debole coesione, nelle zone con maggiore neve fresca aumenta rapidamente la propensione al distacco di valanghe a lastroni. Alle quote medie e alte nel corso della giornata il problema principale la neve bagnata.

Valanghe di slittamento e di neve bagnata, per il notevole spessore di neve al suolo possono assumere dimensioni pericolose e interessare infrastrutture esposte. Per escursioni è necessaria esperienza nella valutazione del pericolo valanghe. Si consiglia prudenza. Attendibilità della previsione: media

 

Fonte Provincia Autonoma di Bolzano – Alto Adige

 

Per gli altri settori Alpini il pericolo valanghe resta di grado 3 Marcato per maggiori dettagli e per i bollettini pdf fare click qui