Dal freddo alla libecciata con forti piogge

Una saccatura  in quota collegata ad una estesa struttura depressionaria Artica posizionata sull’Europa centro-occidentale transita nella giornata di oggi sul centro nord Italia ; al suolo un minimo barico collegato alla suddetta saccatura, attualmente posizionato sul medio-basso Adriatico con nevicate fin a quote collinare, tende a spostarsi verso i Balcani. Le temperature nella prossima notte visto i cieli sereni e l’aria fredda che ci raggiungerà al suolo porterà diffuse  gelate con minime anche sotto zero al Centro-nord e nelle interne del centro-sud.

 

A seguire domani, DOMENICA, una nuova saccatura(la 3° del mese) stavolta Atlantica si poterà dall’Europa settentrionale fin sulla Francia attivando un intenso flusso di correnti meridionali instabili. Tali correnti meridionali piu’ umide e miti troveranno all’inizio un serbatoio di aria fredda e quindi le prime precipitazioni in mattinata sulla Toscana con deboli nevicate in pianura fino al primo pomeriggio su Lunigiana, Garfagnana e, localmente, su alcune aree del Valdarno medio-inferiore (Lucca e Pistoia). Nel pomeriggio le precipitazioni risaliranno dal ligure spinte da sud-ovest verso nord-est portando deboli nevicate al piano su Lombardia, Veneto interno, Piemonte nord e occidentale. Poco dopo tra Lombardia, Veneto ed Emilia, alta Toscana appenninica avremo la possibilità di GELICIDIO cioè  precipitazioni incontrano nella loro discesa uno strato d’aria più caldo rispetto a quello del suolo, dove magari vi sono temperature prossime o inferiori allo zero, l’acqua al suolo congela rendendo le strade impraticabili e danneggiando la vegetazione. In serata netto aumento termico in quota e sarà quindi gia’ pioggia su tutto il Settentrione salvo le zone Alpine dove ancora fioccherà fino al fondovalle, piogge ingenti tra Liguria orientale ed alta Toscana sotto le correnti di libeccio. Rovesci in arrivo anche sul Lazio in serata mentre sarà una bella giornata di sole sul resto dell’Adriatico e al Sud – in mappa un breve sunto del meteorologo Andrea Corigliano –

LUNEDI‘ continueranno sotto il richiamo umido e mite meridionale,piogge ingenti tra alta Toscana e Liguria orientale con ancora piogge in Appennino e scioglimento della neve e tra alta Lombardia- Triveneto anche qui con nevicate a quote medio-alte visto il netto rialzo termico( temperature massime anche di 16-18°C al centro come in piena Primavera). Venti forti di Libeccio e Scirocco interesseranno sopratutto i versati tirrenici, dalla Liguria alla Sicilia con raffiche di 60-80 km/h o superiori laddove i mari risulteranno anche agitati con rischio di mareggiate sui tratti esposti. Vento forte atteso lungo l’Adriatico dove non si esclude il fenomeno dell’acqua alta sulla Laguna veneta. Le raffiche più intense sono previste però su Alpi ed Appennino con punte anche di 130-150 km/h.

Solo MARTEDI’ avremo il passaggio del 2°fronte atlantico stavolta con rovesci diffusi sulle Tirreniche e al Nord-est e quota neve in calo su quote medie sia sulle Alpi che in Appennino centro-settentrionale con un ritorno delle temperature verso la normalità del periodo.

Insomma ci sarà da far attenzione Domenica in primis al rischio Gelicidio tra Lombardia-Emilia-alta Toscana e Veneto occidentale inoltre alle piogge che nelle prossime 48ore potrebbero superare i 400-500mm tra alta Lombardia, Triveneto, alta Toscana-Liguria orientale(qua caduti ieri gia’ altri 340mm) con enorme stress per i fiumi locali che saranno i massimi sorvegliati. Vi invitiamo a seguire passo passo per le vostre zone gli avvisi della protezione civile!

Autore dell'articolo: Baggiani Federico