Giro d’Italia 2017: 8° Tappa Molfetta-Peschici

Prima vittoria di tappa al Giro per il giovane velocista della Orica-Scott. Battuti allo sprint Gaviria e Bennett. Bob Jungels ancora in Maglia Rosa.

L’australiano Caleb Ewan (Orica-Scott) ha vinto la sua prima tappa in carriera al Giro d’Italia, battendo in una volata spettacolare ad Alberobello la Maglia Ciclamino Fernando Gaviria (Quick-Step Floors) e Sam Bennett (Bora-Hansgrohe). La frazione è stata animata dalla lunga fuga di Dmitriy Kozontchuk (Gazprom-Rusvelo) e Giuseppe Fonzi (Wilier Triestina), partiti al km 1 insieme a Simone Ponzi (CCC Sprandi Polkowice), fermato poi da problemi meccanici. I due sono stati ripresi quando mancavano meno di 19 km dalla fine. Bob Jungels (Quick-Step Floors) veste la Maglia Rosa per il quarto giorno consecutivo.

Il Percorso

8° Tappa di 189km, media difficoltà. Partenza da Molfetta che per la prima volta ospita il Giro. Tappa mista con i primi 90 km piatti su strade sostanzialmente rettilinee seguiti da 100 km su strade continuamente in saliscendi e con numerose curve e cambi di direzione. Dopo Manfredonia si scala la salita di Monte Sant’Angelo (GPM) e quindi si percorre l’intera panoramica fino a Peschici (Coppa Santa Tecla GPM e TV a Vieste) che invece è già stata sede di tappa per ben quattro volte (1 partenza nel 2000 e tre arrivi nel 2000, 2006 e 2008). Finale molto impegnativo e articolato. Dal km 5 all’arrivo discesa veloce che termina ai 3 km. Breve tratto pianeggiante fino ai 1500 m all’arrivo dove inizia la salita finale sempre più ripida man mano che ci si avvicina all’arrivo (punte del 12%) e con diverse curve a gomito. Rettilineo finale sempre in ascesa (attorno al 9/10%) di 200 m, largo 7 m su lastricato.

Le Condizioni Meteorologiche sulla corsa

Stabilità che garantirà anche per la giornata odierna condizioni bel tempo lungo l’intero percorso di gara. Il cielo si presenterà in prevalenza sereno o per lo più poco nuvoloso. Temperature gradevoli con punte di 24/25°C. Ventilazione debole ma in lieve rinforzo in prossimità dell’arrivo.

Fonte percorso e notizie giroditalia.it

Autore dell'articolo: Pardini Andrea