Le Alpi senza neve entro fine secolo

Brutte notizie per le nostre amate Alpi uno studio svizzero, afferma che potranno perdere fino al 70% del manto nevoso e nel caso più positivo, la scomparsa della neve potrebbe essere limitata al 30%.

Qui di seguito riportiamo un’articolo di Claudia Grisanti, giornalista, pubblicato su www.internazionale.it

Christoph Marty, Sebastian Schlögl, Mathias Bavay e Michael Lehning hanno raccolto i dati climatici in due aree, il bacino del fiume Aar e i Grigioni. L’acqua raccolta in questi due bacini raggiunge diverse regioni europee. Il fiume Aar è un affluente del Reno, che attraversa il continente fino al mare del Nord. L’acqua proveniente dai Grigioni viene invece raccolta nel fiume Inn e poi nel Danubio, raggiungendo il mar Nero, nel Po e ancora nel Reno. I ricercatori hanno elaborato i dati rispetto a scenari diversi del cambiamento climatico fino alla fine del secolo.

Tutte le proiezioni hanno mostrato una diminuzione del volume del manto nevoso, a tutte le quote, in tutte le stagioni considerate e con qualsiasi scenario climatico. Inoltre, la neve dovrebbe sparire completamente sotto i 1.200 metri di altezza. Sopra i tremila metri di altezza, in uno scenario pessimistico, si potrebbe avere quasi un dimezzamento della neve. Inoltre, si prevede che la stagione invernale cominci più tardi e finisca prima. Nello scenario positivo, di intervento sul cambiamento climatico e limite dell’aumento di temperatura a due gradi, si potrebbe avere entro il 2100 una diminuzione della copertura nevosa del 30 per cento. La riduzione della neve potrebbe essere un problema per le attività turistiche, ma anche per l’agricoltura, gli impianti idroelettrici e il trasporto fluviale. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista The Cryosphere.

Accedi alla Pubblicazione

Autore dell'articolo: Pardini Andrea