Fallstreak hole – Buchi nel Cielo

Fallstreak hole, Sky hole o semplicemente in italiano Buchi nel Cielo sono singolari fenomeni atmosferici, che vedono formarsi dei buchi nelle nubi; tranquilli non si tratta di nessun esperimento del governo ma è semplicemente un processo fisico.

La nube come sappiamo è composta da microscopiche goccioline che risultano allo stato liquido pur essendo la temperatura circostante di molti gradi sotto lo zero (stato che si definisce di sopraffusione).
In queste condizioni, le particelle possono mantenere lo stato di
sopraffusione per molto tempo, fin quando non intervenga un disturbo al
sistema.

Il disturbo può essere un brusco cambiamento di correnti o molto semplicemente un aereo che attraversando lo strato di nubi rimescola l’aria circostante, agevolando la cristallizzazione delle goccioline
sopraffuse, che diventando così ghiaccio. Le particelle di ghiaccio, sono
più pesanti, tendono così a precipitare ,lasciando un piccolo buco nella
nuvola, in genere di una decina di metri.

Ma questi buchi raggiungono dimensioni comprese tra i 10 e i 50km di diametro come è possibile che un aereo faccia tutto ciò?

Quando il liquido passa dallo stato solido, libera del calore questo passaggio nel cielo, innesca una corrente circolante attorno ai cristalli di ghiaccio, che provoca l’evaporazione dell’acqua sopraffusa, innescando
così un processo a catena che determina il progressivo allargamento del
buco della nuvola.

I cristalli di ghiaccio non riescono a cadere
al suolo ma rimangono sospesi diversi metri sotto il buco formatesi e
creano una virga a V che ricorda il più delle volte l’ala di un Angelo.

Lo stesso processo lo potete ricreare a casa utilizzando una bottiglietta d’acqua. Mettendo la bottiglia piena d’acqua in un contenitore pieno di ghiaccio l’acqua all’interno della bottiglia si raffredderà.
Dopo qualche ora togliete dal contenitore la bottiglia e sbattila energicamente contro un piano.
Nella parte alta della bottiglia dovrebbe cominciare a formarsi
immediatamente del ghiaccio, che poi si espanderà verso il resto della
bottiglia.

Qua alcune foto dei Buchi del Cielo


Autore dell'articolo: Pardini Andrea